Perchè il Mio Sito non Compare su Google

Niente panico se il tuo sito non compare su Google. Segui questi passaggi per identificare e risolvere eventuali problemi.

Se il tuo sito web non non appare su Google, ci sono una serie di fattori che potrebbero essere responsabili.

In questo post, analizzerò i motivi più comuni per cui un sito web non si vede su Google e cosa puoi fare per risolvere il problema.

Il mio sito web è visibile su Google?

Prima di poter iniziare a valutare eventuali problemi con il tuo sito web e rispondere alla domanda del perchè il mio sito web non compare su Google, devi confermare che non è effettivamente su Google.

Esistono diversi modi per verificare se il tuo sito è nell’indice di Google.

Innanzitutto, puoi creare un account Google Search Console e verificare la proprietà del tuo sito web.

Puoi quindi andare alla sezione “Indicizzazione” dove potrai vedere tutte le pagine che sono attualmente nell’indice.

Il mio sito web è visibile su Google?

Puoi anche utilizzare lo strumento di controllo URL: “Controlla qualsiasi URL in ‘nomedidominio.it’ per cercare direttamente una pagina specifica.

Controllo URL Google Search Console

Un altro modo per sapere se il tuo sito web è su Google è eseguire una ricerca su Google.it. Nel campo di ricerca digita:

site:nomedidominio.it e premi invio.

Nei risultati, vedrai tutte le pagine del tuo sito web presenti nell’indice di Google. Se non vengono visualizzati risultati, nessuna delle tue pagine è attualmente su Google.

Eseguire una ricerca su Google con la funzione site

Se questo è il caso, vorrai sapere perché. Entriamo nel particolare e andiamo a vedere i motivi per cui il sito non compare su Google.

Perchè il mio sito non compare su Google? Ragioni e possibili soluzioni

  1. Il sito Web è nuovo
  2. Il crawler di Google è bloccato
  3. Hai il tag NOINDEX sulle tue pagine
  4. Il sito web viene penalizzato e rimosso dall’indice di Google
  5. Mancanza di contenuto originale
  6. Backlink insufficienti
  7. Il tuo targeting per parole chiave altamente competitive
  8. Il tuo sito web è troppo lento
  9. Il tuo sito web presenta problemi tecnici
  10. Il tuo sito web è stato violato e rimosso da Google

1. Il sito Web è nuovo

Il primo motivo per cui il tuo sito web potrebbe non apparire su Google è semplicemente che il tuo sito è nuovo.

Google mostra solo i siti che sono memorizzati nel suo indice. Quando crei per la prima volta un sito web, Google non ha modo di sapere che esiste. Ci vuole tempo perché il motore di ricerca trovi i siti nuovi, ma ci sono dei passi da fare per velocizzare il processo.

Ci sono un paio di soluzioni per far apparire il tuo nuovo sito web su Google.

Innanzitutto, puoi aspettare che il motore di ricerca lo trovi. Ora, questa non è l’idea migliore perché potrebbe volerci del tempo prima che Google lo faccia. Soprattutto se non hai altri siti web che rimandano a te.

L’altra opzione è creare una sitemap del sito e inviarla tramite Google Search Console. In questo modo, dirai a Google che il tuo sito esiste e che vuoi che sia incluso nell’indice.

Invia la Sitemap a Google tramite Google Search Console

2. Il crawler di Google è bloccato

Google trova i siti web attraverso un processo chiamato scansione. In questo processo, inviano robot noti come crawler in tutta Internet alla ricerca di nuovi siti Web da aggiungere al proprio indice.

Se stai impedendo a Google di eseguire la scansione del tuo sito web, i loro crawler salteranno le tue pagine e non saranno disponibili per essere visualizzati su Google.

Il modo più comune in cui i crawler di Google vengono bloccati è tramite il file robots.txt. Questo file fornisce istruzioni a Google su come trattare un sito web. La maggior parte dei siti Web ne ha uno e di solito è memorizzato nella directory principale di un sito.

Soluzione:

Puoi verificare se il tuo file robots.txt impedisce a Google di eseguire la scansione del tuo sito all’interno di Google Search Console.

Se hai aggiunto la mappa del sito a Search Console, puoi andare alla pagina “Indicizzazione” – “Pagine” e cercare eventuali errori durante la scansione del tuo sito.

Bloccata da robots.txt

Cerca un messaggio che dica “Bloccata da robots.txt”.

Puoi anche controllare direttamente il file robots.txt per vedere se sta bloccando i crawler.

Per questo, dovrai andare nella directory dei file della tua piattaforma di hosting. Il file robots.txt dovrebbe trovarsi nella cartella principale.

Quando apri il file, cerca i seguenti user-agent:

User-agent: *

User-agent: Googlebot

Se trovi il codice con “Disallow: /” sotto uno di questi, stai impedendo a Google di eseguire la scansione del tuo sito.

Per consentire a Google di eseguire la scansione del tuo sito, elimina semplicemente lo snippet “Disallow: /” e salva il file robots.txt.

La prossima volta che Google tenta di eseguire la scansione del tuo sito Web, non dovrebbero esserci problemi.

3. Hai il tag NOINDEX sulle tue pagine

Consentire a Google di eseguire la scansione delle tue pagine è solo una parte della visualizzazione del tuo sito nel motore di ricerca. Devi anche assicurarti di consentire a Google di indicizzare le tue pagine.

Ora, il processo per l’indicizzazione delle tue pagine è simile a quello della scansione. Se specifichi a Google che non desideri che determinate pagine siano incluse nell’indice, non le includerà.

Questo viene in genere fatto utilizzando un meta tag “noindex”. Il tag è un piccolo pezzo di codice HTML che viene aggiunto a una pagina. Dice semplicemente a Google di non includere quella pagina nel suo indice.

Nella maggior parte dei casi, questi tag non verranno aggiunti al tuo sito a meno che tu non lo faccia tu stesso. Tuttavia, ci sono situazioni in cui potresti applicare inaspettatamente il tag “noindex” alle tue pagine.

Ad esempio, se il tuo sito utilizza WordPress, esiste un’impostazione “Visibilità ai motori di ricerca”. Se selezioni la casella che dice “Scoraggia i motori di ricerca dall’effettuare l’indicizzazione di questo sito”, il tag “noindex” verrà aggiunto a tutte le tue pagine.

Hai il tag NOINDEX sulle tue pagine

Soluzione:

Puoi controllare in Google Search Console per vedere se a una qualsiasi delle tue pagine è applicato il tag “noindex”. Vai alla sezione “Indicizzazione” – “Pagine” e cerca eventuali errori che dicono “Esclusa in base al tag “noindex”.

Se trovi il tag su qualsiasi pagina, ci sono diversi modi per sbarazzartene. Puoi immergerti nel codice HTML per quella particolare pagina e rimuoverlo tu stesso.

Oppure puoi utilizzare una estensione come il plugin Yoast SEO per WordPress. Ciò ti consentirà di specificare quali pagine hanno il tag e assicurerà che non venga aggiunto alle pagine che non desideri.

4. Il sito web viene penalizzato e rimosso dall’indice di Google

Google ha una serie di linee guida che i proprietari di siti web devono seguire affinché il loro sito web sia idoneo a posizionarsi nei risultati di ricerca. Se violi queste linee guida, il tuo sito riceverà una sanzione.

Ciò farà sì che le tue pagine si posizionino più in basso o vengano completamente escluse dall’indice.

Esistono due tipi di sanzioni che puoi ricevere da Google. Algoritmico e manuale.

Le sanzioni algoritmiche si verificano quando l’algoritmo di Google ritiene che ci siano problemi di qualità con il tuo sito e decide di penalizzarti di conseguenza.

Le sanzioni manuali si verificano quando un essere umano esamina il tuo sito Web e determina che il tuo sito non è conforme alla qualità dei webmaster di Google.

Alcuni dei motivi per cui potresti ricevere una penalità manuale includono:

  • Spam
  • Problemi di dati strutturati
  • Link innaturali (PBN + Spam) che puntano al tuo sito
  • Link innaturali dal tuo sito
  • Testo nascosto e keyword stuffing
  • Reindirizzamenti ingannevoli

Soluzione:

Il modo più rapido per sapere se il tuo sito web è penalizzato da Google è cercare all’interno di Google Search Console.

Vai alla sezione “Sicurezza e azioni manuali” e fai clic su “Azioni manuali”.

Sicurezza e azioni manuali

Questo ti mostrerà se Google ha applicato sanzioni manuali al tuo sito.

Se non sei penalizzato vedrai un messaggio che dice “Nessun problema rilevato”. Se sono state intraprese azioni manuali contro il tuo sito, saranno tutte elencate nella pagina.

Controlla le sanzioni di Google utilizzando il rapporto sulle azioni manuali.

Google ti darà l’opportunità di risolvere i problemi e inviare una richiesta per rimuovere la sanzione. Dopo aver risolto i problemi, seleziona “Richiedi revisione” dalla pagina delle azioni manuali. Google afferma di cercare quanto segue nelle richieste di revisione:

  • Una spiegazione dell’esatto problema sul tuo sito.
  • Descrizione dei passaggi che hai eseguito per risolvere il problema.
  • Il risultato dei tuoi sforzi.

Ora, le sanzioni algoritmiche sono più difficili da tracciare poiché Google non ti avviserà se ne hai ricevuto uno. Se il tuo sito non viene visualizzato su Google, probabilmente non si tratta di una sanzione algoritmica.

Tuttavia, se il tuo sito si è classificato bene in precedenza e hai riscontrato un improvviso calo del tuo posizionamento, potrebbe essere a causa di una penalità algoritmica.

Il miglior corso che puoi seguire è eseguire un audit tecnico. Cerca problemi di contenuti duplicati o seri problemi di prestazioni.

5. Mancanza di contenuto originale

Mancanza di contenuto originale

Un altro possibile motivo per cui il tuo sito web non viene visualizzato su Google è la mancanza di contenuti originali e di qualità sul tuo sito.

L’obiettivo del motore di ricerca di Google è fornire agli utenti i risultati più pertinenti alle loro query di ricerca. Per fare ciò, classificherà il contenuto che ritiene il migliore in cima ai suoi risultati.

Google ha dimostrato di valorizzare i contenuti originali e approfonditi. Se le tue pagine ripetono semplicemente le stesse idee trovate su altri siti Web, è improbabile che si posizionino in alto.

Soluzione:

Crea nuovi contenuti originali attorno alle tue parole chiave target. Cerca di affrontare un argomento da una prospettiva diversa e fornisci spunti preziosi che non sono presenti in articoli simili sul web.

Backlink insufficienti

I backlink sono un segnale di qualità e sono uno dei fattori più importanti nel posizionamento nei motori di ricerca.

Se il tuo sito web non ha molti backlink, indica una mancanza di autorità. Con un’autorità di pagina e un’autorità di dominio inferiori, è più difficile comparire nei risultati di Google.

Soluzione:

Ottenere backlink di alta qualità può richiedere tempo, soprattutto se il tuo sito è nuovo. Il primo passo da compiere per guadagnare link è creare contenuti di alta qualità.

Se non disponi di pagine a cui vale la pena collegarti, guadagnare link sarà ancora più impegnativo.

Dopo aver creato diverse pagine/articoli di alto valore, contatta siti autorevoli nel tuo settore e chiedi loro di collegarsi al tuo sito.

Ci sono molti modi per affrontare questo processo che vanno oltre lo scopo di questo post, puoi leggere questo articolo per maggiori dettagli: Link building per la SEO: cos’è e come farla

7. Parole chiave altamente competitive

Parole chiave altamente competitive

A seconda del tuo settore, le parole chiave SEO per le quali stai cercando di classificarti potrebbero essere altamente competitive. Naturalmente, questo renderà più difficile per il tuo sito apparire per questi termini.

Il mancato posizionamento per queste parole chiave potrebbe essere attribuito al settore in cui ti trovi piuttosto che a qualsiasi problema con il tuo sito.

Dovrai verificare che sia così e che la tua mancanza di visibilità non sia il risultato di un problema più profondo.

Soluzione:

Controlla la sezione Copertura all’interno di Google Search Console o esegui una ricerca su Google utilizzando il nome del tuo sito web per vedere se il tuo sito web è incluso nell’indice.

Una volta confermato che il tuo sito è effettivamente su Google, saprai che il problema è il posizionamento per determinate parole chiave piuttosto che una completa mancanza di visibilità.

In questa situazione, dovrai lavorare per migliorare il tuo posizionamento in modo da far apparire in cima le parole chiave scelte. Ciò significherà continuare a creare contenuti utili, aumentare l’autorità del dominio attraverso backlink di alta qualità e garantire che tutti i fattori tecnici del tuo sito siano in ordine.

Se lo fai, dovresti vedere le tue classifiche migliorare nel tempo. Mentre aspetti che il tuo sito si posizioni per parole chiave più competitive, dovresti prendere in considerazione le altre parole chiave con una difficoltà inferiore per aiutare il tuo sito ad ottenere traffico di ricerca organico.

Usa uno dei migliori strumenti di ricerca per parole chiave cosi da trovare quelle a coda lunga meno competitive e creare contenuti adatti. Sarai in grado di classificare queste pagine più velocemente. Mentre il traffico che potresti ricevere potrebbe essere inferiore a quello dettato dai tuoi obiettivi , portare utenti alle tue pagine ti aiuterà ad aumentare l’autorità del tuo sito.

Fatti anche aiutare dalla mia guida per la ricerca delle parole chiave dove puoi scaricare il template che utilizzo di solito.

8. Il sito web è troppo lento

Il sito web è troppo lento

Google cerca di fornire agli utenti la migliore esperienza possibile, prende in considerazione molti fattori tecnici durante l’indicizzazione e il posizionamento dei siti web. Il fattore tecnico più importante che valuteranno è la velocità del tuo sito web.

Il caricamento lento delle pagine porta a un’esperienza utente scadente e, di conseguenza, influirà sulla visibilità del tuo sito su Google.

Le prestazioni del tuo sito web per dispositivi mobile hanno la precedenza rispetto alla versione desktop poiché Google segue una “indicizzazione mobile-first” durante la scansione.

Ciò significa che il tuo sito nella modalità mobile funge da riferimento per la valutazione della qualità di esso.

In generale, un sito a caricamento lento non causerà l’assenza dell’intero sito da Google, ma può influire sulle singole pagine e ovviamente sul posizionamento delle parole chiave competitive.

Le cause comuni del caricamento lento delle pagine sono problemi con JavaScript, immagini di grandi dimensioni e mancanza di risorse del server.

Soluzione:

Esistono molti strumenti che puoi utilizzare per testare la velocità di caricamento del tuo sito web.

Se il tuo sito web dispone di dati sufficienti, puoi utilizzare il Core Web Vitals Report di Google Search Console per misurare le prestazioni delle tue pagine web. Gli URL verranno suddivisi in tre categorie in base alla loro velocità di caricamento: “Scadenti”, “Richiedono miglioramenti” e Buoni”.

Puoi approfondire i dettagli di ogni pagina per avere un’idea migliore di ciò che sta causando eventuali ritardi nelle prestazioni.

Oltre a Search Console, ci sono anche una serie di strumenti gratuiti per testare la velocità del sito Web sul Web, tra cui Pagespeed Insights di Google e GTmetrix.

Assicurati di memorizzare nella cache le tue pagine e di utilizzare un CDN. Ciò ti consentirà di pubblicare versioni salvate degli elementi statici del tuo sito web.

Per maggiori dettagli, leggi la mia guida dettagliata: Come velocizzare WordPress

9. Il sito web presenta problemi tecnici

Se il tuo sito web presenta problemi tecnici frequenti, può essere difficile che il tuo sito web venga visualizzato su Google.

Problemi come arresti anomali del server, problemi DNS ed errori HTTP non solo influiscono sull’esperienza dell’utente, ma inibiscono anche la capacità di Google di eseguire la scansione e l’indicizzazione del tuo sito.

Un altro problema tecnico comune è l’uso massiccio di JavaScript su un sito.

JavaScript può essere difficile da scansionare per i motori di ricerca, il che può causare problemi con la ricerca e l’indicizzazione delle tue pagine da parte di Google.

Questo è un problema tipico se i tuoi elementi di navigazione sono in JavaScript. Ad esempio, se il tuo sito utilizza un mega menu in JavaScript, Google avrà difficoltà a eseguire la scansione dei collegamenti alle pagine del menu. Questo può portare a una visibilità ridotta per molte delle tue pagine web.

Soluzione:

Esegui un audit SEO tecnico completo per il tuo sito web. Questo ti fornirà i dettagli di tutti i diversi problemi tecnici che il tuo sito web potrebbe incontrare.

Puoi ridurre al minimo il numero di problemi tecnici che riscontri utilizzando un hosting di alta qualità. In questo modo ti assicurerai di non incorrere in problemi con il server.

Guarda la mia classifica dei migliori hosting per WordPress.

Cerca di ridurre al minimo la quantità di JavaScript sul tuo sito quando possibile.

10. Il sito è stato hackerato e rimosso da Google

Il sito è stato hackerato e rimosso da Google

Se il tuo sito web è stato hackerato, ciò potrebbe influire sulla sua capacità di apparire nei risultati di ricerca di Google.

Il sito potrebbe essere inserito nella lista nera e rimosso completamente dall’indice oppure Google potrebbe scegliere di aggiungere un messaggio a qualsiasi risultato di ricerca evidenziando che il sito non è sicuro.

Con quest’ultimo, il tuo sito potrebbe essere ancora su Google, ma le possibilità che gli utenti facciano clic sulla pagina sono basse.

Soluzione:

Puoi verificare se un hack sta influenzando la posizione del tuo sito web su Google tramite il tuo account Search Console.

Vai alla sezione “Problemi di sicurezza” e controlla se sono elencati degli URL.

Se una qualsiasi delle tue pagine presenta problemi, Google fornirà maggiori dettagli su quale sia il problema. Puoi quindi lavorare per risolvere i problemi per rimettere in ordine il tuo sito.

Dopo aver ripulito il tuo sito, puoi richiedere una revisione a Google nella sezione Problemi di sicurezza.

Cerca di proteggere il tuo sito in futuro. Agli utenti è consentito una sola revisione ogni 30 giorni, quindi se il tuo sito viene frequentemente iniettato con malware, limiterai fortemente le tue possibilità di ottenere traffico da Google.

Come rendere visibile un sito Su Google

Se stai cercando di far apparire il tuo sito su Google o hai problemi a raggiungere le classifiche che desideri, ecco alcuni passaggi attuabili che puoi intraprendere per migliorare la visibilità sul motore di ricerca:

1. Configura Google Search Console

Il primo passo per far apparire il tuo sito su Google è configurare il tuo account Google Search Console. La piattaforma fungerà da hub per monitorare le tue prestazioni sul motore di ricerca e fornirà strumenti utili per agire quando necessario.

2. Invia la sitemap

Dopo aver configurato il tuo account Search Console, devi inviare la sitemap del tuo sito web. Questo file consentirà a Google di sapere che il tuo sito esiste e fornirà un elenco di tutti gli URL che desideri scansionare e indicizzare.

Dopo aver inviato la mappa del sito, Google aggiungerà il tuo sito a una coda di siti da sottoporre a scansione. Con la sitemap o mappa del sito “Riuscita”, saprà anche dove andare per le scansioni future e lo farà regolarmente in base alla frequenza con cui pubblichi e aggiorni i tuoi contenuti.

3. Utilizza lo strumento di controllo URL

Lo strumento di ispezione degli URL all’interno della Search Console ti consente di valutare lo stato di ogni singolo URL. Quando digiti un URL nel campo, vieni indirizzato a una pagina con tutti i dati dell’indice di Google per quell’URL. Vedrai se è attualmente su Google, se la pagina è ottimizzata per i dispositivi mobili e quando è stata eseguita l’ultima scansione.

Se la pagina non è su Google o se hai effettuato aggiornamenti, puoi fare clic sul pulsante “Richiedi indicizzazione” per fare in modo che Google esegua nuovamente la scansione del tuo sito.

Eseguirà rapidamente la scansione della pagina per vedere se è idonea. In tal caso, Google la aggiungerà a una coda per la scansione e l’indicizzazione.

4. Esegui un audit SEO tecnico

Una revisione approfondita del sito Web è il modo più efficace per diagnosticare eventuali problemi tecnici che potrebbero influire negativamente sul posizionamento nei motori di ricerca del tuo sito Web.

Alcune delle aree principali da esaminare durante un audit SEO tecnico includono quanto segue:

  • Tempi di caricamento
  • Stato della sitemap
  • Contenuto duplicato
  • Problemi con i metadati
  • Link interrotti
  • Errori di scansione

5. Crea contenuti unici

Senza contenuti unici e di alta qualità, Google non ha molte ragioni per posizionare bene il tuo sito. Un buon contenuto è anche essenziale per fornire valore al tuo pubblico e stabilire l’autorità del tuo brand.

Crea contenuti originali concentrandoti sulle tue parole chiave principali e secondarie.

Dovresti anche verificare che il tuo sito web non abbia errori con contenuti duplicati, il che può portare a una sanzione da parte di Google. Questo di solito fa parte di un audit SEO completo.

I backlink sono fondamentali per un buon posizionamento, in particolare per le parole chiave competitive. Meentre inizi a riempire il tuo sito di contenuti qualitativi, cerca cerca anche di avviare una campagna di link building.

Attenersi ai siti web con un’autorità di dominio elevata, poiché i clink da questi siti saranno più efficaci nel migliorare il posizionamento del tuo sito.

Raccomandazioni

Ci sono diversi motivi per cui il tuo sito web potrebbe non essere visualizzato su Google.

Per iniziare, potrebbe essere perché il tuo sito è nuovo e Google non ha ancora avuto la possibilità di trovarlo.

Potrebbe essere perché stai ostacolando Google in qualche modo, bloccando i crawler o codificando le tue pagine come “noindex”.

Se nessuno di questi è responsabile, probabilmente c’è un aspetto del tuo sito che devi migliorare. Potrebbe trattarsi di un errore tecnico come tempi di caricamento lenti o arresti anomali del server. Oppure potrebbe essere una mancanza di contenuti originali e backlink di alta qualità.

In rari casi, potresti anche essere stato penalizzato da Google.

Il modo migliore per far apparire il tuo sito su Google è completare i seguenti passaggi:

  • Crea il tuo account Google Search Console
  • Invia lasitempa
  • Crea contenuti unici
  • Ottieni backlink di alta qualità
  • Esegui audit SEO tecnici regolari

Seguendo questi passaggi, puoi gestire e monitorare in modo proattivo il rendimento del tuo sito su Google per apportare rapidamente le modifiche necessarie.

Se invece desideri assistenza per la diagnosi e la risoluzione dei tuoi problemi SEO, contattami.

Conclusione

Hai dedicato tempo, impegno e risorse al tuo sito web e ora non ricevi visitatori. La soluzione migliore è contattare un consulente SEO per ottenere un aiuto.

Spero davvero che questa guida ti sia stata utile e che tu abbia trovato soluzione ai problemi che si presentano quando il tuo sito web non compare su Google.

Lascia un commento

Adrian Gram

Contatta

info@adriangram.it

Collegati

Iscriviti

Unisciti alla mia mailing list per ricevere gli ultimi aggiornamenti.